I primi 4 colloqui di Psicoterapia per la gelosia

Scopri ora cosa succeed nei 4 colloqui successivi :

 

Se nel primo colloquio vi è una prima esplorazione dei prerequisiti materiali e una iniziale esplorazione della domanda del cliente, nel secondo incontro, come nei successivi, il lavoro si focalizza maggiormente su tre punti:

 

1) le motivazioni della richiesta di consultazione e i problemi che l’hanno determinato

2)la descrizione di sè come persona (interessi, vita lavorativa)

3)i rapporti con le persone “significative” della propria vita  

 

Bisogna dire che i tre punti descritti sinteticamente all’interno di questa lista non seguono necessariamente questo ordine e il cliente ha la piena libertà di “associare” e di dire tutto quello che gli viene in mente.

 Analizzare i motivi della propria gelosia difficilmente non includerà le persone significative della propria vita o una descrizione del proprio modo di vedersi, di sentirsi, di cogliere la propria emozionalità.

 L’obiettivo non è quello di sfogarsi con lo Psicoterapeuta o di ricevere consigli su come comportarsi o su cosa dover provare.

 L’analisi è volta a cogliere, a partire dalla propria “resocontazione libera”, il significato emozionale delle proprie rappresentazioni

 Cerchiamo insieme di capire il senso di questa affermazione attraverso un esempio.

 Una paziente si rivolge allo Pscoterapeuta lamentando una gelosia molto intensa verso il marito senza saperne il motivo, dato che lo stesso non le ha dato mai motivo reale. Allo stesso tempo dice che ha sempre pensato agli uomini come a dei cacciatori intraprendenti e infine aggiunge che talvolta pensa a suo marito come ad un uomo poco virile. Queste affermazioni o libere associazioni, senza una traduzione di senso appaiono intelligibili.

 Se di contro si coglie l’aspetto emozionale del resoconto si capisce come la moglie si rappresenti gli uomini virili come uomini sempre a caccia di “nuove prede” e che quindi si ritrova davanti ad un bivio: o immagina suo marito come uomo fedele ma poco virile o vive una intense gelosia fantasticando il marito virile alle prese con altre donne.

 Capire i motivi per cui questa donna ha una siffatta rappresentazione della virilità sarà obiettivo del successivo lavoro psicoterapeutico.

 In sintesi il lavoro di Psicoterapia consiste nel cogliere e tradurre quello che emozionalmente il paziente propone nella relazione con lo Psicoterapeuta nel qui ed ora e che ha vissuto nel rapporto con il partner o con le persone significative della propria esistenza.

 Nei primi 4 incontri di psicoterapia il cliente potrà imparare a riflettere sui propri vissuti emotivi acquisendo competenze nel focalizzare l’attenzione sui nodi problematici e sui possibili sviluppi relazionali.

L’obiettivo sarà quello di possedere strumenti per fare chiarezza nei propri vissuti emotivi, per coglierne il senso e utilizzarli dentro le relazioni con il proprio partner.